Poesie di Rossella Frollà

Viaggiano le pietre
nell’alveo del fiume fino al mare,
s’incontrano, si toccano,
non si fanno male,
son vuote di dolore dentro e fuori,
viaggiano sole,
non s’accorge l’una se l’altra è incagliata,
nel greto si lascia posare,
non sa se il viaggio è finito,
non le importa se l’altra è già al mare.

——————————-

Guaisce l’aria,
la luna mi viene in grembo,
la gente prende fiato nella vergogna,
nessuno si ferma,
nessuno si meraviglia,
si cala il verme nel nero della foglia
e smuove l’aria,
volo come la gazza
e tasto il buio,
l’aria piena di miseria,
chi accenderà le stelle?

——————————-

La bellezza è nell’aria
che s’assottiglia e si fa vicina,
la gioia d’acqua passa sulle bocche
e le chiama
la tua
si sente di morire dentro l’ombra:
«Oh gioia che corri tra i vivi
come la vite nei filari
non tormentarmi ad arte
non sono un altro,
non ho più lo specchio per guardarti.

——————————-

Qualcosa mi accarezzava,
il chiacchierare dell’acqua
dove s’oscura l’aria
nel sottopasso
e arriva con un filo lento al mare
che sembra fatto di niente
come il patire e il vento,
scorrono l’acqua e l’aria sui miei passi,
nel greto la gioia di un lento gioco.

Rossella Frollà

This entry was posted in Autori Poesia, Giardino d'Inverno and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.