Le parole per dirlo

Davide D'Alessandro

Sono tanti i libri che ho divorato in una notte o in un giorno ma più di ogni altro, con la stessa sete del bambino che tutto sudato corre verso la fontana, “Le parole per dirlo” di Marie Cardinal. Le sue sensazioni erano le mie, le sue desolazioni le mie, le sue ribellioni le mie, le sue urla le mie, le sue speranze le mie, le sue parole le mie. E lei le aveva trovate, come me, dopo sette lunghi anni, per dirle. Per dire la sua storia di donna divorata da un’angoscia senza fine, per dire la sua consegna nelle mani di un piccolo dottore che, attraverso l’analisi, la riconduce in vita, anzi la fa nascere a trentasette anni. La dedica del libro non ammette dubbi: «Al dottore che mi ha fatta nascere».
Chi è nata? La donna tenuta prigioniera dalla “Cosa”. Scrive Cardinal: «Ho parlato e l’ho liberata… Sono nata da lei a poco a poco… Ma la mia ricchezza è proprio nell’essere stata quella donna e quello che sono ora… Ho scorticato tutte le leggi, che mi avevano asservito fino a ridurmi a uno straccio». Per chiudere così: «Esisto da sette anni… Sono nata con la psicoanalisi».

Anche per Banana Yoshimoto, «non si muore per un dolore reale, ma per quello che non riusciamo a raccontare». La sofferenza psichica è un male terribile ma, come ha spesso rimarcato Aldo Carotenuto, è una ferita che chiama, che ci chiama. Se sappiamo rispondere alla chiamata, sopportare le devastazioni che i lenti attraversamenti del dolore comportano, nasciamo a nuova vita. La vera vita. Da soli non si può. Io necessito di un altro, di uno specchio che rimandi la mia immagine, il mio volto esangue. Io ho bisogno di una guida, come Dante di Virgilio, che mi tenga per mano durante la discesa agli inferi. Ma quella mano un giorno si staccherà, mi inviterà a proseguire il viaggio da solo. Avrò acquisito gli strumenti per affrontare il cammino impervio dei giorni che restano.
Ma cosa cerco dove non c’è luce, dove il fango appesantisce i miei passi, dove tutto appare putrefatto? Cerco una perla. Quella perla sono io, ero io prima della sepoltura. Chi l’ha sepolta? Quando? Perché? Dipende. Ognuno ha la propria storia da raccontare, i propri fantasmi da evocare, i propri veli da squarciare. Ognuno ha le proprie parole per dirlo. Ma se non trovo quella perla, ho perso tutto. La mia vita sarà inutile fino all’ultimo dei miei sospiri. Perché non sarà la mia, ma quella vissuta da un altro che mi ha cancellato, sepolto, rubandomi la scena con la sua maschera buona per tutte le scene. È quella maschera che devo eliminare, come sta per eliminarla una donna vestita da Arlecchino e seduta in poltrona nel quadro che tutte le mattine guardo prima di uscire da casa. È di un pittore napoletano. Lo comprai a Siena, in una sera di pioggia e di vento, senza neanche trattare sul prezzo. Ora sapete perché.

Davide D’Alessandro

This entry was posted in Sinopie and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.