Poesie di Giulia Orlandi

In Giardino d’Inverno – Prima Prova, pubblichiamo alcune poesie di Giulia Orlandi.

A TAVOLA

Vacui pensieri consumo alla mia tavola.
Il volto rivolto altrove,
aldilà del vetro smerigliato.
Osservo i commensali distratti dalla lussuria
di squallide viandanti.
Trangugio la mia pena,
mortifico il mio sguardo.
Membra penzolanti e inermi in un angolo della sala,
fingo gioia distratta.
Altro vino alla mia tavola
Altra amarezza nel mio calice.

DEA

Ti ammiro incredula,
lo sguardo acerbo dell’infante.
Un bagliore fulmineo mi scuote,
sei madonna del cinquecento
sei fiera amazzone
sei contemplazione silenziosa
sei desiderio taciuto.
Attendo fiduciosa i tuoi occhi,
mi lascio soffocare nel riflesso della vita.

IL CLOWN

Nascondo lo sguardo allo scherno dei passanti,
sono sul piedistallo,
attrice navigata per il godimento altrui.
Danzo e agito le mani,
parlo e canto melodie silenziose.
Pubblico distratto dal giudizio,
una moneta signori!
L’artista è al vostro servizio,
l’indifferenza è il mio riposo.

This entry was posted in Giardino d'Inverno, Prime prove and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.